Il 2º corso di formazione professionale Uiga fa il tutto esaurito

Oltre 120 iscritti e gradimento corale per il secondo corso di formazione professionale organizzato dall'Uiga a Monza il 23 ottobre. Oggetto del seminario, le tecnologie elettroniche e informatiche attuali e prossime venture a bordo dei veicoli, grazie alle quali si garantiscono più sicurezza, maggiore rispetto ambientale e una connettività a tutta prova anche durante la marcia (vai all'articolo dal titolo).

Oltre 120 iscritti e gradimento corale per il secondo corso di formazione professionale organizzato dall'Uiga a Monza il 23 ottobre. Oggetto del seminario, incentrato sugli interventi di Yaroslaw Miklosik, ingegnere nelle fila della multinazionale Bosch, le tecnologie elettroniche e informatiche attuali e prossime venture a bordo dei veicoli, grazie alle quali si garantiscono più sicurezza, maggiore rispetto ambientale e una connettività a tutta prova anche durante la marcia.

I trend sociali orientano i produttori a ripensare l’auto. I dispositivi elettronici e la tecnologia infotainment porterà all’integrazione dei sistemi mobili con nuovi software per la gestione di reti e servizi attraverso delle interfacce avanzate.

La semplificazione di utilizzo e l’utilità dei dispositivi, abbinate a design accattivanti, sono ritenute strategiche per la vendita dei futuri modelli di automobile. L’auto quindi verrà scelta non solo per il suo design esterno ma soprattutto per il grado di facilità d’uso degli strumenti di bordo e il grado di connettività con il mondo esterno.

Recenti studi hanno evidenziato come il Car Infotainment sia essenziale per offrire una vera esperienza emotiva, una guida più sicura e intuitiva. Le grandi metropoli stanno puntando sulla intermodalità.

Questo significa che l’auto sarà uno dei mezzi possibili per raggiungere la meta, magari il mezzo necessario per raggiungere una tappa lungo un percorso servito da mezzi veloci in grado di unire le periferie alle aeree metropolitane. Una rete di infrastrutture in grado di “parlare” con gli altri mezzi, anche con il conducente dell’auto.

A bordo di una vettura si potranno ricevere in tempo reale informazioni sui parcheggi disponibili, informazioni sul traffico in tempo reale e opportunità per raggiungere la meta prefissata, con altri mezzi in minor tempo, raggiungendo stazioni di collegamento intermodale.

Un modo per rispondere al nuovo grado di sensibilità ambientale che sta affermandosi anche tra le nuove generazioni. Sarà presto possibile chiedere all’auto di portarci dal punto A al punto B inquinando il meno possibile e risparmiando sul carburante. I dispositivi lo faranno prendendo in considerazione diversi fattori: tipo di vettura utilizzata, condizioni stradali e di traffico lungo il percorso tracciato, utilizzo di sistemi di bordo che consentono di attivare modalità di risparmio energetico (Start&Stop).

 La connettività a bordo vettura tenderà sempre più a riconoscere i gesti e la voce del conducente per evitare le distrazioni alla guida, oggi causa di una forte percentuale di incidenti nelle grandi città. Sicurezza e salute, un binomio a cui i nuovi dispositivi risponderanno con sempre maggiore attenzione e prevenzione. Una sicurezza attiva, come avviene già oggi su alcuni modelli di auto, in grado di fermarsi prima di una possibile collisione o con il riconoscimento di un ostacolo improvviso.

 In futuro tutte le auto saranno collegate a internet con il wi-fi, questo permetterà di offrire servizi lungo il percorso o gestire l’agenda del giorno, ottimizzandone i percorsi. In pratica quello che già oggi facciamo con uno smartphone o un computer collegato a internet, domani lo potremmo fare in modo interattivo a bordo di un’automobile.

Altro importante fattore che aumenta la qualità dei sistemi di infotainment, è l’inserimento di dispositivi in grado di fornire una realtà aumentata o in 3D su appositi cruscotti. Nuovi sistemi di navigazione proiettati sul parabrezza ci forniranno le frecce di direzione proiettate sulla strada che stiamo percorrendo. Vedremo presto cruscotti digitali che potremmo personalizzare a seconda delle nostre esigenze di guida. Le auto saranno collegate in Cloud, questo permetterà anche l’aggiornamento automatico di tutti i servizi offerti. Non occorrerà più recarsi dal concessionario per aggiornare le mappe del navigatore o scaricare nuovi programmi. Tutto avverrà automaticamente quando il mezzo si troverà sotto copertura internet. Gli sviluppatori di sistemi e dispositivi mobili sono già al lavoro per un’auto 3.0 che sarà una vera e propria estensione del nostro stile di vita.

 

Link Corso di Deontologia online: 

Link per registrarsi su piattaforma S.I.Ge.F dell'Ordine nazionale dei Giornalisti

Link per accedere direttamente al Corso di Deontologia online  (per chi è già registrato)

Lezione 1

Lezione 2

Lezione 3

Lezione 4

Soluzioni Lezioni 1-4 (chiedere password a Segreteria UIGA)

StampaEmail